La riforma della patente a punti

22.10.2013 – A partire dal 1. maggio 2014, il casellario centrale della motorizzazione, finora conosciuto come Verkehrszentralregister, sarà ribattezzato con un nuovo nome, vale a dire Fahreignungsregister. Ma non solo: cambiano anche le regole relative ai punti registrati nel casellario centrale. In futuro, infatti, chi commette ripetute infrazioni, rischia maggiormente di perdere la patente.

Ma quanti punti basteranno per sancire il ritiro della patente?

Stando alla legge che è già stata approvata in parlamento e nel Bundesrat, la patente verrà sottratta non più con 18, ma con soli 8 punti. Ovviamente sarà anche diverso il sistema relativo alle sanzioni: a secondo della gravità della contravvenzione, il conducente infatti potrà ricevere 1, 2 o al massimo 3 punti. L’infrazione più grave, dunque, sarà sanzionata solo con 3 punti, a differenza dei 7 punti attuali (che si infliggono ad esempio a chi commette il reato di fuga del conducente oppure si schianta guidando in stato di ebrezza, danneggiando terzi).

Con il nuovo sistema ogni conducente dovrà cercare di osservare con più attenzione il codice stradale e soprattutto il limite di velocità (il maggior numero di contravvenzioni riguarda, infatti, l’eccesso di velocità), e non solo: gravissime resteranno le conseguenze per chi guida dopo aver bevuto un bicchiere di vino in più. Ritiro minimo di un mese della patente e sanzione pecuniaria non inferiore ai 500 euro.

Ma cosa succederà con i vecchi punti di Flensburg?

Non ci sarà un „indulto“. I 47 milioni di punti registrati al casellario centrale della motorizzazione saranno ricalcolati in base a delle regole ben precise: 1 fino 3 punti si riducono a 1, 4 fino a 5 saranno 2, 6 fino a 7 diventano 3, 8 fino a10 invece 4, 11 fino a 13 si ridurranno a 5, 14 fino a 15 soltanto 6, 16 fino a 17 infine 7. Chi ha raggiunto 18, vale a dire 8 punti con il nuovo sistema, potrà consegnarla per almeno sei mesi.

Ma come si potranno cancellare i punti di Flensburg?

Dopo due anni e mezzo (sanzioni più gravi fino a dieci anni!) ogni contravvenzione, e dunque anche i rispettivi punti, scompariranno dal casellario, indipendentemente da nuove infrazioni. Chi ha 1 fino a 5 punti potrà frequentare un corso per ridurre i punti. A differenza di prima, tuttavia, questa possibilità sarà limitata a due volte entro un periodo totale di cinque anni.

E i corsi?

I corsi, però, saranno più costosi: l’Adac ha annunciato che ogni Nachschulungsseminar costerà attorno ai 400 euro.

Chi è curioso di sapere quanti punti ha attualmente sul casellario di Flensburg, potrà farlo gratuitamente presso il sito www.kba.de.